Il Sole 24 ORE • Food 24

Si è appena conclusa la sesta edizione di Bottiglie Aperte, la manifestazione voluta e creata da Federico Gordini a Palazzo delle Stelline con l’obiettivo di creare un appuntamento a Milano in cui il vino ed i mondi ad esso collegati fossero protagonisti. Il pubblico, prevalentemente costituito da operatori del settore, ha potuto conoscere circa 150 produttori di tutta Italia, con oltre 900 referenze in degustazione.

Il programma è stato poi arricchito da ben 17 masterclass, tavole rotonde e workshop, in cui si è parlato dei problemi derivanti dal cambiamento climatico, di visioni generazionali del mondo imprenditoriale vitivinicolo e delle prospettive di investimento vinicolo a livello nazionale ed internazionale. Fra tutte le masterclass io ho scelto di partecipare a due, la prima dedicata a Rocca di Frassinello, la seconda a Falesco.
Rocca di Frassinello è una cantina nata come joint venture tra Castellare di Castellina e Domaines Baron de Rothschild-Lafite. Siamo al centro della Maremma, a Gavorrano, tra Bolgheri e Scansano. La cantina è stata concepita da Renzo Piano, coniugando funzionalità e bellezza. Protagonista della Masterclass è stato Baffonero, il Merlot in purezza che prende il nome dalla vigna piantata ai piedi della cantina, nato con prospettive estremamente ambiziose, ovvero sfidare Masseto, come dichiarato sul sito dell’azienda! Francamente non so quanto sia lungo ancora il viaggio per arrivare alla meta, posso però dire che l’annata 2015, che non credo essere già in vendita, mi sembra avere straordinarie prospettive. (…)

I Wine List Awards premiano la migliore carta vini, con un occhio attento non solo a prezzi e varietà, ma anche ad originalità ed estetica. Premiano il mondo della ristorazione italiano suddiviso in 6 categorie, dal wine bar al ristorante stellato. Per sapere tutti i premiati: http://italiadelvino.com/upload/users/pdf/gli%20awards%20di%20bottiglie%20aperte%202017.pdf
Come sempre voglio concludere con qualche nota di degustazione, supportato anche da Augusto Gentilli e Luca Vittori. (…)

Pecorino 2016 di Tenuta I Fauri – Chieti (CH)
Azienda familiare situata nel sud dell’Abruzzo, condotta da Domenico Di Camillo e dai figli Valentina e Luigi, entrambi enologi. A bottiglie Aperte era presente Valentina, un vero vulcano che ti racconta i suoi vini con grande passione, premiata con l’Award per il Miglior Sito Web.
Il Pecorino 2016 è di colore giallo paglierino dai riflessi dorati, si distingue al naso per la franchezza, per i freschi sentori di fiori bianchi, per la frutta tropicale, le striature di miele e la decisa nota minerale. In bocca corpo e struttura ne accompagnano la freschezza, con piacevoli idee balsamiche ed un tocco di sapidità.

ARTICOLO COMPLETO

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi